Intervista al presidente di Assoenologi, Riccardo Cotarella